Riorganizzazione del modello distributivo e incontro con la Fondazione Carispezia

Giovedì 8 novembre, si è svolto un importante incontro di Gruppo nel quale è stata presentata la revisione del modello organizzativo che porterà da gennaio 2019 alla creazione di 10 Direzioni Regionali, in sostituzione delle attuali 15 Direzioni Territoriali, tra le quali la DR Liguria, coincidente con l’attuale perimetro di Carispezia (province di IM, SV, GE, SP e MS).

Visto che non sono state ancora comunicate le sedi che ospiteranno le nuove Direzioni Regionali, considerata la complessità territoriale della Liguria e i progressi tecnologici che permettono di lavorare in sedi diverse, nel corso dell’apposita procedura prevista dal CCNL che abbiamo attivato chiederemo prioritariamente che, nell’organizzazione della nuova Direzione Regionale, vengano mantenute per i colleghi le attuali sedi di lavoro e che si favorisca l’eventuale mobilità verso la residenza.

Nell’incontro è anche emerso che la riorganizzazione dei BOM non riguarderà Carispezia e che il nuovo nucleo di istruttoria “Unit Mutui” sarà costituito nella nostra DR entro settembre 2019.

Infine sono state annunciate, purtroppo, 6 nuove chiusure di filiali di Carispezia (97 a livello di Gruppo) che avranno luogo verso metà ottobre 2019.

Prosegue quindi anche nel nostro Gruppo il preoccupante ed inarrestabile trend che ci vedeallineati a quanto sta avvenendo, ormai da tempo, in tutto il settore. Con queste ultime 6, saranno 13 in tutto le filiali Carispezia chiuse dal nostro ingresso nel 2011 in questo Gruppo, un ritmo di quasi due chiusure all’anno!

Si è svolto inoltre nei giorni scorsi l’atteso incontro con i vertici della Fondazione Carispezia, richiesto dalle scriventi OO.SS. in seguito alle notizie diffuse dalla stampa circa l’acquisizione del pacchetto azionario della Fondazione Carispezia da parte di Cariparma.

Il Presidente Avv. Melley ha confermato che c’è interesse per l’acquisizione del pacchetto azionario (20%) posseduto dall’Ente spezzino, al quale sarebbe stato offerto di diventare azionista della Capogruppo. L’operazione – secondo Melley –  porterebbe ad una importante valorizzazione dell’investimento della Fondazione ma ha la necessità di essere autorizzata da diversi organismi come il Mef e la BCE.

Al nostro azionista di minoranza abbiamo espresso preoccupazione principalmente per le molte decine di colleghi impiegati nella nostra Direzione Centrale, struttura che andrebbe a sparire, il cui destino ad oggi risulta assolutamente incerto. Inoltre abbiamo chiesto rassicurazioni sul fatto che il “quartier generale” della “Carispezia di domani” rimanga alla Spezia e che la banca rimanga ben radicata e presente sul nostro territorio.

Melley, raccogliendo le istanze del Sindacato, ha confermato che il destino dell’azienda bancaria è nell’agenda della Fondazione e sarà tema di confronto con la capogruppo.

Le preoccupazioni, gli inviti e le argomentazioni espresse dalle OO.SS. sono state raccolte anche dal Presidente della provincia della Spezia Giorgio Cozzani, presente all’incontro. Continueremo comunque gli incontri con istituzioni e parti sociali locali con l’intento di trovare sostegno e tutelare al meglio i lavoratori di Carispezia.

 

 

Leggi QUI il Comunicato di Gruppo sulla riorganizzazione territoriale.

Download PDF
Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati