PREMIO AZIENDALE 2018

E’ stata raggiunta in data odierna l’intesa per il premio aziendale relativo all’anno 2017 che andrà in pagamento a Giugno 2018.

Il premio potrà essere riscosso cash o sotto forma di welfare.

Per la figura media di riferimento A3L3 l’importo è di € 1400 cash e € 1600 con componente welfare.

Per premi minori di € 3000 e redditi inferiori a € 80.000 è prevista la tassazione agevolata del 10%

 

Leggi QUI il comunicato unitario con le tabelle relative ai vari inquadramenti.

 

 

 

 

Scarica QUI il testo integrale dell’accordo

 

Download PDF
Con le parole chiave

Ancora in alto mare…

Sapeva il fatto suo Beckett quando concluse la sua opera senza far arrivare mai Godot.

IN  EFFETTI SIAMO ANCORA IN ATTESA DELLA PRESENTAZIONE DELLE RICADUTE DEL PIANO INDUSTRIALE A MEDIO TERMINE SUI COLLEGHI.

L’INCONTRO DOVEVA TENERSI IL 14 APRILE, MA PER PROBLEMATICHE NON TROPPO CHIARE E’ SLITTATO AD UNA DATA ANCORA VAGA, NON PRIMA DELL’INIZIO DI MAGGIO.

Se davvero sarà previsto anche un Fondo esuberi, comincia ad essere eccessivo lo slittamento dell’apertura della procedura.

SAPPIAMO BENE CHE IL GRUPPO CARIPARMA APPROFITTA ANNUALMENTE DELLA TRATTATIVA SUL PREMIO AZIENDALE (VAP) PER INFILARCI DENTRO QUALCHE NOVITA’ NEGATIVA PER I COLLEGHI.

Della serie: se volete quei quattro soldi del VAP, dovete mollare qualcosa.

INOLTRE RIDUCE AL MASSIMO I TEMPI DELLA TRATTATIVA, COSTRINGENDOCI A FAR SLITTARE DI MESE IN MESE L’EROGAZIONE DEL PREMIO, SEMPRE PER INFILARE NELLA NOTTATA FINALE QUALCHE SGRADITO BOCCONE.

QUEST’ANNO TOCCHERA’ APPUNTO AL FONDO, CHE, SE CI SARA’, SICURAMENTE PREVEDERA’ UNA QUOTA MODESTA  DI ASSUNZIONI A FRONTE DELLE USCITE TOTALI.

Siccome non sono praticamente previste chiusure di filiali, il carico finirà come solito sulle spalle dei lavoratori superstiti, compensando i tagli con l’ennesimo ridimensionamento dell’organico della rete, e soprattutto delle filiali x te.

CONTRO QUALUNQUE RIDUZIONE DELL’ORGANICO, GIA’ BEN AL DISOTTO DEL MINIMO INDISPENSABILE, CI AUGURIAMO CHE CI SIA UNA MOBILITAZIONE GENERALE

Download PDF

FINALMENTE QUALCHE SEGNO PIU’ +

Come molti di voi sanno già, da qualche giorno, il tavolo di confronto con Carispezia si è unificato e quindi UNISIN ed i tre sindacati confederali trattano insieme e inviano comunicati unificati a tutti i colleghi.

ANCHE SULLA TRATTATIVA CONCLUSASI IN TRASFERTA A PARMA SABATO SCORSO VI ARRIVERÀ PRESTO UN COMUNICATO UNITARIO FIRMATO DA TUTTE E 4 LE SIGLE.
ABBIAMO PERO’ DA DIRVI ALCUNE COSE CHE NON TROVERANNO NATURALEMENTE SPAZIO IN QUEL COMUNICATO, MA CHE RITENIAMO UTILI PER VOI.
PER LA PRIMA VOLTA DA ANNI LA TRATTATIVA CON CARISPEZIA NON SI E’ CONCLUSA IN NEGATIVO, CON PERDITE ECONOMICHE E NORMATIVE PER I DIPENDENTI.

ANCHE SE NON C’E’ DA FARE TROPPI TRIONFALISMI SUL RISULTATO DI QUESTO ACCORDO, TUTTAVIA DOBBIAMO SEGNALARE AI COLLEGHI CHE LA TRATTATIVA SI E’ CHIUSA CON UNA SERIE DI SEGNI PIU’, ANCHE SE SPESSO MODESTI.

NON CREDIAMO CHE SIA UN CASO CHE LA PRIMA VOLTA CHE UNITA’ SINDACALE SIEDE AD UN TAVOLO UNITARIO, DA QUESTO TAVOLO ESCONO MIGLIORAMENTI, ANCHE SE ANCORA MODESTI, PER I LAVORATORI.

Brevemente: le ASSUNZIONI ESTIVE crescono, modestmente in numero assoluto da 7 ad 8, assai di più per l’estensione della copertura: 7 assunti x 2 mesi = 14 mesi/persona nel 2014.

4 interinali x 3 mesi + 4 tempi determinati x 5 mesi che fanno 32 mesi/persona totali, insomma oltre il doppio di copertura dell’anno scorso. ANCORA POCHISSIMO PER LE REALI NECESSITA’, MA COMUNQUE QUALCOSA PIU’ DI UN AIUTO PURAMENTE SIMBOLICO COME QUELLO DELL’ANNO SCORSO.

RIPARTONO I PERCORSI DI CARRIERA nei termini previsti per Cariparma e recuperando il pregresso solo a partire dal 1° ottobre 2014, lasciando quindi sul campo fino ad 1 anno e nove mesi di mansioni svolte, perdendo gli ultimi passaggi di carriera nelle filiali sotto gli 8 addetti, nonchè un po’ di pezzi negli uffici interni.

Ma qui si partiva dal famigerato accordo dei confederali del 11/10/2012, da noi mai firmato ed anzi contrastato con uno sciopero, che aveva cancellato tutto, e quindi eravamo in salita.

AUMENTA ANCHE IL CONTRIBUTO AZIENDALE AL FONDO PENSIONE,

sparisce il nostro contributo per l’assicurazione sanitaria,

riappaiono almeno fino al 2017 i contributi studio, cancellati dal solito famigerato accordo.

INFINE DOBBIAMO SEGNALARE CHE IL PREMIO AZIENDALE VAP, FINALMENTE FERMA LA SUA CORSA ALL’INDIETRO E SI STABILIZZA SUI 1500 € DELL’ANNO SCORSO.

I PARTICOLARI POTRETE LEGGERLI SUL COMUNICATO UFFICIALE.

PER IL MOMENTO POSSIAMO DIRE CHE LA NOSTRA PRESENZA A PIENO TITOLO AL TAVOLO UNICO DELLA TRATTATIVA HA FATTO LA DIFFERENZA.

I COLLEGHI POSSONO ORA PIU’ DI PRIMA FARE AFFIDAMENTO SU DI NOI DI UNITA’ SINDACALE, CHE ABBIAMO FATTO DELLA COERENTE DIFESA DEGLI INTERESSI DEI LAVORATORI LA NOSTRA UNICA ED IRRINUNCIABILE RAGIONE DI ESSERE.

Download PDF

Verso lo sciopero del 25 Luglio (2)

SIAMO GLI UNICI DIPENDENTI DEL GRUPPO CHE HANNO SUBITO UN TAGLIO AL PREMIO AZIENDALE

  • Nonostante gli ottimi risultati raggiunti da Carispezia, che è stata l’unica banca delGruppo A RAGGIUNGERE L’OBBIETTIVO POSTO DALL’AZIENDA PER OTTENERE IL PAGAMENTO DEL PREMIO INCENTIVANTE
  • NONOSTANTEL’UTILE NETTO SIA SALITOAL MASSIMO STORICO,IN CONTROTENDENZA CON IL BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO IN LIEVE CALO,

CI SONO STATI TAGLIATI 50 EURO DAL PREMIO DELL’ANNO SCORSO, MENTRE IL RESTO DEL GRUPPO HA MANTENUTO, O ADDIRITTURA AUMENTATO, LE CIFRE DELL’ANNO PRECEDENTE.

IL TAGLIO E’ OGGETTIVAMENTE MODESTO, TANTO CHE LA DELEGAZIONE DI GRUPPO DI UNISIN  FALCRI SILCEA HA UNINAMAMENTE RITENUTO DIFIRMARE COMUNQUE L’ACCORDO, PUR SOLLEVANDO (DA SOLA) IN MODO FORTE E COMPATTO UNA PROPRIA PROTESTA PER IL TRATTAMENTO RISERVATO AI COLLEGHI DI CARISPEZIA.

MA E’ COMUNQUE UNO SGARBO FATTO AI LAVORATORI DI CARISPEZIA, CHE DA UNA PARTE VENGONO CONSIDERATI I MIGLIORI DEL GRUPPO E VENGONO PERCIO’GRATIFICATI LORO SOLI CON IL PREMIO INCENTIVANTE, DALL’ALTRA SI VEDONO TAGLIATO UN PREMIO AZIENDALE GIA’ NON PARTICOLARMENTE RICCO.
IL TAGLIO DEL PREMIO NON E’ TRA LE RAGIONI FORMALI DELLO SCIOPERO, MA CERTO UN’ ADESIONE PARTICOLARMENTE MASSICCIA DIREBBE CON CHIAREZZA CHE I COLLEGHI DI CARISPEZIA NON ACCETTANO PIU’ PENALIZZAZIONI IMMOTIVATE ED IRRAGIONEVOLI.

Download PDF

PREMIO AZIENDALE: DANNEGGIATI I LAVORATORI DI CARISPEZIA

Al termine di due giornate di confronto la delegazione di Gruppo di Unità Sindacale è orientata a sottoscrivere  l’accordo sull’erogazione del premio aziendale 2013, pagabile ad agosto 2014, sulla base di una valutazione unanime, che, pur tra molte ombre, ritiene complessivamente accettabile l’impianto dell’accordo, che sostanzialmente mantiene per quasi tutto il Gruppo, i valori del premio dell’anno precedente.

Tra gli aspetti non soddisfacenti, ne spicca in particolare uno decisamente negativo e del tutto incomprensibile: il taglio di 50 euro previsto sia sul premio cash che su quello in Welfare solo per i dipendenti di Carispezia.

Vogliamo infatti ricordare che nel 2013 Carispezia:

  • Ha realizzato l’utile netto più alto della sua storia con oltre 14 milioni. Oltre 2 milioni in più rispetto al 2012.
  • Ha retribuito i propri azionisti con un dividendo complessivo 11 milioni e 763 mila euro, oltre 800 mila euro in più rispetto al 2012.
  • Ha tagliato il cost/income dal 69,8% del 2012 al 63,5% del 2013.
  • Ha aumentato il proprio ROE dal 6,3 del 2012 al 7,8 del 2013, di gran lunga il più alto dell’intero Gruppo Cariparma.
  • E’ stata premiata da una nota rivista finanziaria come la migliore banca italiana su 155 della stessa categoria.
  • Unica banca del Gruppo ha raggiunto e superato l’obbiettivo di budget di istituto, ottenendo  così l’erogazione dell’intero sistema incentivante.

La domanda che tutti noi ci poniamo è semplice e spontanea:

MA COSA MAI DOVEVANO FARE DI PIU’ I COLLEGHI DI CARISPEZIA PER, QUANTOMENO, MANTENERE IL PROPRIO PREMIO DELL’ANNO SCORSO ????
Considerato che già lo scorso anno ai colleghi erano stati tagliati altri 50 euro, nonostante la
crescita del 42% dell’utile da 8 a 11 milioni, ed un incremento dei dividendi complessivi distribuiti del 62%, E’ MAI POSSIBILE CHE TUTTI GLI ANNI DOBBIAMO CONTRIBUIRE A DIVIDENDI SEMPRE PIU’ RICCHI DA DISTRIBUIRE AI NOSTRI AZIONISTI, CON SEMPRE NUOVI TAGLI AL NOSTRO MODESTO PREMIO AZIENDALE?

Infine, espresso un doveroso ringraziamento ai colleghi della delegazione di Gruppo di UNISIN FALCRI SILCEA, che fino all’ultimo stanno coerentemente sostenendo l’illogicità dei tagli riservati ai lavoratori di Carispezia, ci chiediamo ancora:

MA COSA HANNO FATTO CONTRO QUESTA PALESE INGIUSTIZIA I COLLEGHI SINDACALISTI DI CARISPEZIA E DEL RESTO DEL GRUPPO CHE SIEDONO A QUELLO CHE AUTODEFINISCONO IMPROPRIAMENTE PRIMO TAVOLO?

NOI NON ABBIAMO LETTO ANCORA NESSUN COMUNICATO IN CUI I SINDACATI CONFEDERALI LAMENTINO LA PALESE INGIUSTIZIA VERSO I LAVORATORI DI CARISPEZIA.

ATTENDIAMO SPERANZOSI, MA AHIMÈ, POCO FIDUCIOSI…

Clicca QUI per leggere la lettera inviata alla Direzione dalla Delegazione di Gruppo di UNISIN FALCRI SILCEA

Download PDF

VAP: ISTRUZIONI PER L’USO

Il premio aziendale concordato per Carispezia a livello di Gruppo CARIPARMA è, come è noto, leggermente inferiore a quello dell’anno scorso.

Vi sono comunque alcune novità nell’erogazione che potranno consentire ai colleghi che scelgano di averlo in tutto od in parte sotto forma di rimborso di servizi sociali di usufruire di fatto di una cifra complessivamente maggiore, rispetto al netto che riceverebbero in contanti in busta paga, dove risulterebbe decurtato dalle ritenute fiscali.

Il “piccolo miracolo” della crescita della cifra disponibile si spiega con il regime fiscale di totale esenzione previsto dalla legge qualora il premio venga erogato come servizi sociali.

Inoltre poiché il premio erogato come rimborso di servizi sociali è esentasse e senza contributi previdenziali anche per l’Azienda, questa ha deciso di rinunciare ad una parte della minor spesa a suo carico, incrementando il totale del premio, così detto sociale, di 50 o di 100 euro medi, a seconda delle scelte del dipendente.

PER CONSENTIRE AI COLLEGHI UNA SCELTA RAGIONATA RICORDIAMO CHE:

  • LA QUOTA TOTALE O PARZIALE RICEVUTA IN RIMBORSO SERVIZI NON E’ PENSIONABILE.
  • LA QUOTA VERSATA NEI FONDI PENSIONISTICI VERRA’ SOTTOPOSTA COMUNQUE AD UNA TASSAZIONE, SIA PURE  RIDOTTA, AL MOMENTO DELL’EROGAZIONE, ANTICIPATA O FINALE CHE SIA.

In pratica ogni collega potrà scegliere tra 3 distinte modalità di erogazione del premio:

  1. tutto in contanti e quindi regolarmente ed interamente  tassato,
  2. metà in contanti e metà in rimborso di prestazioni di welfare, tassato solo a metà e incrementato rispetto al premio in contanti di 50 euro medi,
  3. tutto come rimborso di prestazioni di welfare, totalmente esentasse e incrementato di 100 euro medi rispetto al premio in contanti.

PER CHI SCEGLIE DÌ RICEVERE IL 50% O TUTTO IL PREMIO IN SERVIZI DI WELFARE  (OPZIONI 2 E 3) QUALI SONO LE PRESTAZIONI IN WELFARE CHE IL COLLEGA PUO’ AVERE RIMBORSATE?

  1. SANITA’: PUO’ UTILIZZARE UNA QUOTA DEL PREMIO SOCIALE DI SUA SPETTANZA PER FARSI RIMBORSARE  LE QUOTE A SUO CARICO DELL’ASSICURAZIONE SANITARIA AZIENDALE RELATIVE AL 2013,
  2. PREVIDENZA: PUO’ UTILIZZARE UNA QUOTA, O L’INTERA  PARTE  DEL PREMIO SOCIALE DI SUA SPETTANZA PER INCREMENTARE IL VERSAMENTO  AI FONDI PREVIDENZIALI A CUI GIA’ L’AZIENDA CONTRIBUISCE (QUINDI  A TUTTI I FONDI RICONOSCIUTI E NON SOLO A QUELLO CARIPARMA),
  3. FORMAZIONE ED EDCUCAZIONE: PUO’ UTILIZZARE UNA QUOTA, O L’INTERA  PARTE  DEL PREMIO SOCIALE DI SUA SPETTANZA PER FARSI RIMBORSARE  SOLO LE SPESE PER LA FORMAZIONE SOSTENUTE PER I  SUOI FAMILIARI (E NON PER  LUI STESSO) DAL 1 GENNAIO AL 10 DICEMBRE 2013.

Download PDF

UN’ ALTRA SBERLA …

I SINDACATI CONFEDERALI DI  GRUPPO HANNO FIRMATO L’ACCORDO SUL PREMIO AZIENDALE (VAP 2012) PAGABILE IL PROSSIMO AGOSTO (FORSE).

 IL PREMIO MEDIO IN DENARO PER CARISPEZIA E’ 1550 EURO PER GLI A3L3, OSSIA 50 EURO IN MENO DELL’ANNO SCORSO, E CI SONO TAGLI ANCORA MAGGIORI PER I PREMI DEI QUADRI DIRETTIVI.

UN’ ENNESIMA SBERLA AI LAVORATORI DI CARISPEZIA  CHE, MENTRE GLI UTILI DELLA BANCA SALGONO DEL 42% E LE CEDOLE PAGATE AGLI AZIONISTI ADDIRITTURA DEL 62%, SI VEDONO TAGLIARE, SIA PURE DI NON MOLTO, IL PROPRIO PREMIO AZIENDALE.

UNITA’ SINDACALE FALCRI SILCEA DI CARIPARMA DECIDERA’ SE  FIRMARE DOPO AVER CONSULTATO I PROPRI ORGANI DIRIGENTI.

LA FALCRI CARISPEZIA, NEL PIENO RISPETTO DEL MANDATO DELLE ASSEMBLEE, RITIENE DI NON POTER ADERIRE AD UN SIMILE ACCORDO CHE, INVECE DI PREMIARE, PUNISCE  I LAVORATORI E CHE VIENE AD ESSERE SOLO L’ULTIMO IN ORDINE DI TEMPO DI UNA SERIE DI ACCORDI, TUTTI PEGGIORATIVI DELLE CONDIZIONI DI LAVORO E DI VITA DEI COLLEGHI. FIRMATI DAI CONFEDERALI  NEL GIUGNO, NELL’OTTOBRE E NEL DICEMBRE DEL 2012.

ENTREREMO NEI PARTICOLARI NEI PROSSIMI GIORNI, RICORDIAMO SOLO CHE COMUNQUE QUELLO CHE RIMANE DEL  PREMIO VERRA’ EROGATO NON PRIMA DI AGOSTO.

Download PDF

TRATTATIVA SUL VAP: UNA PORTA IN FACCIA

Nell’incontro del 4 giugno, protrattosi fino a tarda notte e concluso con una richiesta di sospensione da parte della Delegazione di Unità Sindacale Falcri Silcea, per la mancanza totale di presupposti per un accordo sul VAP,

I RAPPRESENTATI DEL GRUPPO CARIPARMA HANNO PRESENTATO UNA PROPOSTA DI PREMIO AZIENDALE PER CARISPEZIA, MA ANCHE PER LE ALTRE BANCHE DEL GRUPPO, NON SOLO ASSOLUTAMENTE INFERIORE ALLE RICHIESTE DEL SINDACATO, MA ANCHE PRIVA DI QUALSIASI LOGICA.

Infatti come è noto Carispezia ha ottenuto ottimi risultati per l’anno 2012, concretatisi nell’aumento del 42% del risultato netto, ma anche con netti miglioramenti degli indici di produttività, quali il cost income, sceso di quasi 5 punti, e di solidità patrimoniale come il core tier 1, cresciuto di quasi un punto fino ad un ottimo 11,43.

NON SI COMPRENDE QUINDI PERCHE’ UN TALE MIGLIORAMENTO NON DEBBA ESSERE PREMIATO DA UN ADEGUATO INCREMENTO DEL VAP, ED ANZI DEBBA ESSERE “PUNITO” CON UN TAGLIO CHE, NELLE ULTIME PROPOSTE DELL’AZIENDA, RAGGIUNGE IL 25% DEL PREMIO DELLO SCORSO ANNO.

NE’ VALE L’ARGOMENTO CHE TALE PREMIO DEBBA SCENDERE TENENDO CONTO DELLA SITUAZIONE DEL GRUPPO, PERCHE’ ANCHE IL GRUPPO HA CHIUSO IL 2012 CON RISULTATI LUSINGHIERI.

INFATTI ANCHE SE L’UTILE NETTO CONSOLIDATO DI GRUPPO E’ SCESO DA 200 A 160 MILIONI, E’ PERO’ DA RILEVARE CHE MANCANO ALL’APPELLO BEN 120 MILIONI ACCANTONATI  PER IL FONDO ESUBERI E CHE DI CONTRO IL COST INCOME SCENDE DI 2 PUNTI ED IL CORE TIER 1 SALE DELLO 0,7 AD UN CONFORTANTE 9,03.

INSOMMA BUONE NOTIZIE PER TUTTO GRUPPO, TRANNE CHE PER I DIPENDENTI, SCESI DI NUMERO E “PUNITI” CON UN TAGLIO DRASTICO DEL PREMIO AZIENDALE.

NON POTEVAMO ACCETTARE CHE PASSASSE LA LOGICA DI SCARICARE SUI DIPENDENTI RIMASTI IN SERVIZIO NON SOLO IL CARICO DI  LAVORO, MA ANCHE I COSTI DEI COLLEGHI CHE SONO ANDATI O STANNO PER ANDARE NEL FONDO ESUBERI.

UNITA’ SINDACALE FALCRI CARISPEZIA NON PRETENDE DI OTTENERE L’INTERO IMPORTO DELLA RICHIESTA AVANZATA, ANCHE SE I 600 EURO DI AUMENTO RICHIESTI COSTITUIREBBERO UNA BRICIOLA DI 330 MILA EURO DI COSTO COMPLESSIVO A FRONTE DI UN UTILE DI 12 MILIONI, MA NON PUO’ NEMMENO ACCETTARE CHE NON SI RICONOSCA AI LAVORATORI UN CONGRUO AUMENTO DEL VAP A FRONTE DEGLI OTTIMI RISULTATI DEL LORO IMPEGNO.

ABBIAMO PERCIO’ CHIESTO UNA SOSPENSIONE DEL CONFRONTO, NELLA SPERANZA CHE L’AZIENDA SI RIPRESENTI AL TAVOLO CON UN’OFFERTA  PIU’ RAGIONEVOLE  E PIU’ LOGICA DI QUELLA AVANZATA IERI NOTTE.

Download PDF