CCNL: NON FACCIAMOCI FREGARE DI NUOVO…

PARTECIPEREMO VOLENTIERI ALLO SCIOPERO DEL 31 OTTOBRE, ANCHE PERCHE’ E’ IL PRIMO DOPO 13 ANNI DI  MASSACRO CONTRATTUALE SUBITO PASSIVAMENTE DAL SINDACATO, MA NON VOGLIAMO FARCI FREGARE ANCHE QUESTA VOLTA DALL’ ABI E DAI LORO SINDACALISTI AMICI.

Cominciamo con il chiarire che la disdetta anticipata del CCNL è un brutto segnale ma, dal punto di vista pratico, non ha nessuna ricaduta sui colleghi.

INFATTI IL CONTRATTO VIGENTE SARA’ PIENAMENTE VALIDO, IN OGNI SUA PARTE, FINO ALLA SUA NATURALE SCADENZA IL 30 GIUGNO DEL 2014 E  NEI FATTI CONTINUERA’ AD ESSERE VALIDO ANCHE DOPO, SEMPRE CHE NEL FRATTEMPO NON SE NE FIRMI UN ALTRO.

E ALLORA PERCHE’ TUTTO QUESTO ALLARMISMO DA PARTE DI CERTI SINDACATI MOLTO AMICI DELL’ABI?

PER DUE RAGIONI: UNA BUONA ED UNA PESSIMA.

LA BUONA RAGIONE E’ CHE CON QUESTA DISDETTA L’ABI HA VOLUTO LANCIARE UN PESANTISSIMO MESSAGGIO, E CIOE’ CHE QUESTO CONTRATTO E’ ”TROPPO BUONO CON I LAVORATORI “ E QUINDI E’GIUSTO DARE UNA RISPOSTA DECISA PARTECIPANDO IN MASSA ALLO SCIOPERO DEL 31 OTTOBRE.

LA PESSIMA RAGIONE E’ CHE UNA PARTE DEL SINDACATO VUOLE FAR APPARIRE LA SITUAZIONE PERSINO PEGGIORE DI QUELLA CHE E’ IN REALTA’, PER POI POTER GIUSTIFICARE UN EVENTUALE ACCORDO TRUFFA TUTTO AL RIBASSO.

IL MESSAGGIO CHE VIENE LANCIATO OGGI AI LAVORATORI E’ SIMILE A QUELLO PROPAGANDATO PER MESI DURANTE IL VOTO SUL PRECEDENTE CONTRATTO: RICORDATE COSA DICEVANO IN ASSEMBLEA?  MEGLIO UN PESSIMO CONTRATTO CHE RIMANERE SENZA CONTRATTO…

NOI ROVESCIAMO IL CONCETTO E DICIAMO:

MEGLIO NESSUN NUOVO CONTRATTO CHE UN CONTRATTO CHE SIA PERSINO PEGGIORE DELL’ATTUALE.

INFATTI SAPPIAMO BENE CHE IL CONTRATTO VIGENTE, PER QUANTO DISDETTATO, SARA’ COMUNQUE ULTRA ATTIVO ANCHE DOPO LA SCADENZA.

PERCHÉ POSSIAMO DIRE QUESTO?

  • PERCHE’ NEL PASSATO E’ SEMPRE ACCADUTO COSI’, ED IN QUESTI CASI LA PRASSI FA LEGGE. ANCHE IL PENULTIMO CONTRATTO SCADEVA UFFICIALMENTE IL 31 DICEMBRE DEL 2010, VENNE DISDETTATO TRE MESI PRIMA DELLA SCADENZA, MA IN REALTA’ E’ STATO ULTRATTIVO FINO ALLA FIRMA DEL NUOVO CONTRATTO AVVENUTA IL 19 GENNAIO DEL 2012, QUINDI E’ STATO NEI FATTI APPLICATO ANCORA PER UN ANNO E 19 GIORNI DOPO LA SCADENZA E NESSUNO SI E’ NEPPURE MAI ACCORTO CHE FOSSE SCADUTO.
  • PERCHE’ LE AZIENDE NON SAPREBBERO COME GESTIRE IL RAPPORTO CON I PROPRI DIPENDENTI SENZA IL QUADRO NORMATIVO DI UN CONTRATTO. PER ESEMPIO: COME GESTIRE LO STRAORDINARIO CHE IN ASSENZA DI UN CONTRATTO DEVE PER LEGGE ESSERE RETRIBUITO, OPPURE COME CAVARSELA CON LA FESTIVITA’ SOPRRESSA TOLTA AI QUADRI, IN CONTRASTO CON UNA LEGGE DELLO STATO?. INSOMMA UN CAOS TOTALE ED INESTRICABILE.
  • PERCHE’ ANCHE SE LE AZIENDE, CON GESTO FOLLE E SCONSIDERATO, DECIDESSERO DI NON APPLICARE PIU’ IL CONTRATTO DISDETTATO, VERREBBERO SEPPELLITE DA UNA MAREA DI RICORSI AI VARI TRIBUNALI, CON SENTENZE PREVEDIBILMENTE DIVERSE, E QUINDI CON UNA SITUAZIONE DI INCERTEZZA TOTALE, COMPLETAMENTE INSOSTENIBILE.
Download PDF
Con le parole chiave , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati