TUTTE PRIORITA’…

QUALUNQUE UFFICIO DELLA DIREZIONE O DEL COMMERCIALE CHIAMI O INVII E MAIL AI COLLEGHI DELLA RETE, IL  SUO SOLLECITO E’ SEMPRE LA PRIORITÀ’ DELLE PRIORITÀ’.

Ormai è diventato praticamente impossibile anche solo programmare la propria attività per moltissimi colleghi, gestori, direttori, ma anche assistenti alla clientela.

Ognuno dei molti, probabilmente troppi, colleghi incaricati di sollecitare il raggiungimento di qualche obbiettivo, sia esso commerciale che amministrativo, dichiara a gran voce che il SUO OBBIETTIVO deve avere la priorità su tutti gli altri.

Spesso poi, questi obbiettivi variano, crescono nel tempo e magari vengono anticipati di mesi
e altrettanto spesso non sembrano tener conto delle reali condizioni in cui si lavora in filiale  e nei centri imprese.

Così si obbliga i colleghi a prendersi ferie e recuperi banca ore, salvo poi scoprire che la loro assenza dalla filiale rende impossibile il raggiungimento dell’ennesimo obbiettivo, e magari metterli nelle condizioni di dover rinunciare a quanto già concordato e programmato.

INSOMMA ABBIAMO SPESSO L’IMPRESSIONE CHE CHI E’ IN DIREZIONE NON SAPPIA, O NON SI PREOCCUPI DI SAPERE, QUALI SONO LE REALI POSSIBILITÀ’ DI FILIALI E CENTRI IMPRESE E CHE RITENGA SUFFICIENTE PROCLAMARE A GRAN VOCE UN OBBIETTIVO DA RAGGIUNGERE CON PRIORITÀ’ ASSOLUTA  PERCHE’ MIRACOLOSAMENTE  QUELL’OBBIETTIVO DIVENTI RAGGIUNGIBILE.

LA FRUSTRAZIONE E LA TENSIONE NELLA RETE STA RAGGIUNGENDO LIVELLI INSOSTENIBILI.

NON BASTA CERTO METTERE A DISPOSIZIONE PSICOLOGI DI SOSTEGNO PER SANARE QUESTE SITUAZIONI.

SE L’AZIENDA HA NECESSITA’ DI RAGGIUNGERE DETERMINATI OBBIETTIVI DEVE PRIMA DI TUTTO METTERE I COLLEGHI DELLA RETE NELLE CONDIZIONI DI POTERLI RAGGIUNGERE, TENUTO CONTO ANCHE DELL’OTTIMO STATO DI SALUTE DEI CONTI DI CARISPEZIA.

E INVECE I TELEFONI SUONANO SEMPRE PIU’ SPESSO SU SCRIVANIE E BOX SVUOTATI DAI TAGLI AGLI ORGANICI ED E’ DIVENTATO DIFFICILE PERSINO CONTATTARE CERTE FILIALI, DIMEZZATE DA TAGLI, FERIE E CORSI.

COME E’ A TUTTI NOTO ANDIAMO VERSO LA SCADENZA DI TUTTI I TEMPI DETERMINATI E DEGLI INTERINALI E VERSO L’USCITA DI ALTRI 16 COLLEGHI CHE ANDRANNO IN PENSIONE O NEL FONDO.

ALTRE SCRIVANIE ED ALTRI BOX RIMARRANNO DESOLATAMENTE VUOTI E SARA’ SEMPRE PIU’ DIFFICILE RAGGIUNGERE OBBIETTIVI ASSOLUTAMENTE PRIORITARI; MA EVIDENTEMENTE QUESTO NON SEMBRA PREOCCUPARE L’AZIENDA CHE CONTINUA A CONSIDERARE I COLLEGHI COME UN COSTO E NON COME UN INVESTIMENTO ED UN PATRIMONIO  DA VALORIZZARE.

CHI PARLERA’ CON LA CLIENTELA, CHI VENDERA’ I PRODOTTI, CHI SISTEMERA’ LE POSIZIONI AL POSTO DI QUELLI CHE STANNO PER ANDAR VIA?

Download PDF
Con le parole chiave , , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati